Il web è il nostro punto di forza.

VPNHub nasce da PornHub
Tecnology

Nasce da PornHub la VPN gratuita illimitata, si chiama VPNHub

Nasce da PornHub la VPN gratuita illimitata, si chiama VPNHub - 5.0 out of 5 based on 3 votes
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (3 Votes)

Se avete sempre conosciuto PornHub per la qualità dei suoi video e la capacità di "svagare" gli utenti, oggi occorre cambiare idea e iniziare a conoscerlo per servizi di sicurezza informatica gratuiti che da ieri mette a disposizione.

Cos'è una VPN?

Una VPN o Virtual Private Network è una rete privata a cui è possibile connettersi tramite una normale connessione Internet. Quando ti connetti a una VPN, tutti i dati che invii e ricevi diventano crittografati, proteggendo la tua privacy online. Un altro vantaggio di una VPN è che la tua posizione virtuale può essere modificata, il che ti consente di accedere a contenuti geograficamente limitati.

Come funziona?

VPNhub crea reti private sui suoi server privati dislocati in 11 Stati del mondo collegandoti a quello statunitense. Se hai la versione premium puoi scegliere tra gli 11 Stati su quale server collegarti modificando l'ip di uscita su internet e di conseguenza lo Stato da cui risulti connesso. Quando ti connetti a un server, cambia la tua posizione virtuale nella posizione di quel server e subentra la crittografa dei tuoi dati, proteggendoti da potenziali minacce online. Per utilizzare il servizio occorre essere connesso a Internet con i dati della rete cellulare o tramite una rete Wi-Fi.

Occorre aprire l'applicazione VPNhub e toccare semplicemente le icone. Sarai virtualmente connesso alla posizione del server di tua scelta e i tuoi dati saranno crittografati. Fatto questo apri semplicemente il browser che preferisci e naviga in Internet in sicurezza. Ricorda però che anche il browser memorizza dati, quindi per una navigazione più sicura ti conviene usare la navigazione in incognito per ulteriore sicurezza.VPNHub

Il mio ISP / provider di telefonia mobile sa cosa faccio con VPNhub?

Tutti i dati sono crittografati durante l'uso della VPN, il che significa che il tuo ISP (fornitore di connettività come ad esempio TIM, Vodafone, Wind, H3G) non sarà in grado di sapere cosa stai facendo mentre usi VPNhub.

LA VPN non basta

In tema di sicurezza informatica vale la pena ricordare che qualche mese fa avevo pubblicato un articolo suggerento l'uso del DNS di CloudFlare 1.1.1.1 che usati nella navigazione ordinaria aiutano ulteriormente a mantenere riservata la nostra navigazione web. Vale la pena chiarire che l'uso di una VPN non significa che l'autorità giudiziaria non potrà ricostruire chi ha commesso una specifica operazione, semplicemente che la navigazione è più sicura di quella che normalmente avviene. 

Quanto costa VPNHub

VPNHub, il servizio VPN di PornHub, è gratuito, tuttavia, per non avere inserzioni pubblicitarie e maggiore banda riservata disponibile, per 12,99$/mese è possibile avere la versione premium.
La versione premium è indispensabile anche per usare il servizio da Desktop dove non è possibile fruirne gratis.

Da quali Stati si può usare?

Il servizio è operativo in tutto il mondo, ma siccome la società ha sede negli USA, e alle società USA è proibito far affari con quelle di alcuni Stati, il servizio non è operativo da Birmania / Myanmar, Cuba, Iran, Corea del nord, Sudan, Siria e infine sono stati segnalati problemi di utilizzo dal Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Cina

Scaricare e installare VPNHub

Per scaricare VPNHub basta andare su vpnhub.com e cliccare sul logo del proprio dispositivo sia esso Android, Apple, Windows o maOS. Così facendo si scarica l'applicazione che occorre poi installare e avviare ogni volta che si vuole instaurare una connessione sicura.

La prova sul campo

Dopo averla provata mi è rimasto un filo di amaro in bocca perchè se online era stata decantata come la prima VPN totalmente gratuita, di fatto i limiti della versione free sono tali per cui si deve valutare al fianco di tutte le altre alternative disponibili sul mercato.

Non mi aspettavo infatti che non si potesse scegliere lo Stato verso il quale collegarsi, se non avendo un abbonamento premium. E' una funzionalità talmente basilare che dovrebbe essere totalmente libera, altrimenti si vanifica il senso di una VPN visto che si utilizza per lo più per risultare collegati ad internet da altrove, specialmente per utilizzare i servizi limitati ad un determinato Stato. Allo stesso modo non mi aspettavo che da desktop non si potesse usare se non avendo il premium, è infatti più probabile che si usi da desktop piuttosto che da mobile. Ma anche questa è una limitazione voluta per gli utenti di account free.

In un'ottica commerciale ci sta, alla fine i costi dell'infrastruttura sono da coprire in qualche modo, ma per un servizio appena lanciato come gratuito, si poteva fare di meglio e lasciare, almeno inizialmente, le maglie più larghe.

Pro

  1. E' uno dei pochissimi, servizi di VPN gratuiti senza limiti di traffico
  2. La compatibilità lo rende fruibile sin da subito da tutti i dispositivi
  3. Viste le vulnerabilità degli ISP, delle reti pubbliche e dei wifi, una VPN aiuta a evitare i più tradizionali tentativi di sniffing della rete.

Contro

  1. Non è gratis da desktop, da cui arriva la maggior parte delle necessità
  2. PornHub è un'azienda americana, quindi come minimo deve sosttostare alle leggi americane anche in materia di condivisione dei dati con i servizi di intelligence
  3. la VPN è utile per i tecnici del settore per collegarsi a sistemi e reti remote proteggendo lo scambio di dati ma per l'utente medio che per navigare usa poi Chrome o Firefox, non ha molto senso
  4. Stabilire un tunnel VPN significa rallentare la navigazione visto che la reale uscita su internet avverrà dai datacenter di VPNHub e non più dal proprio gestore italiano TIM/Vodafone/Tre/Wind o altro che sia

Articolo di Marco Galassi